NEWS

In questa sezione sono pubblicate le ultime news da Uila Modena e Reggio Emilia

Nuova Castelli

è convocato per il giorno 12 luglio a Milano, il costituito Coordinamento Nazionale delle RSU di FAI, FLAI e UILA della BU Castelli Dop e specialità, per la presentazione della piattaforma del Contratto Integrativo 2024-2026, e inizio confronto.

Industria alimentare 4.0: la Uila presenta ricerca realizzata per Ente bilaterale EBS

È stata presentata oggi a Roma, alla presenza dei componenti del consiglio nazionale della Uila-Uil, la ricerca “Formazione e competenze nell’industria alimentare 4.0” realizzata dalla Uila nell’ambito delle attività progettuali dell’Ente bilaterale del settore (EBS).

I lavori sono stati introdotti dal Segretario nazionale Uila Michele Tartaglione che ha coordinato la realizzazione della ricerca insieme al professore Michele Faioli (docente diritto del lavoro, Università cattolica Sacro Cuore) e a Pierpaolo Letizia, esperto di formazione, che ne hanno presentato i contenuti, principalmente incentrati sulle implicazioni dell’avvento della digitalizzazione e intelligenza artificiale sulla formazione, sull’evoluzione delle competenze e delle professionalità nel settore alimentare.

Numerosi gli ospiti presenti, tra i quali rappresentanti delle associazioni datoriali e delle principali aziende del settore, oltre al presidente dell’EBS dott. Alessandro Glisenti.

Ha concluso i lavori la segretaria generale della Uila Enrica Mammucari che ha evidenziato l’importanza dei temi trattati e il valore della bilateralità come strumento utile non solo ad accrescere tutele, opportunità per le lavoratrici, i lavoratori e imprese ma anche per realizzare approfondimenti e analisi e prepararsi ad affrontare le tematiche trasversali sulle quali si giocheranno le sfide future per il settore alimentare.

Da questo punto di vista la segretaria generale ha anche sottolineato i nuovi compiti che la bilateralità sarà sempre più chiamata a svolgere sui temi delle politiche attive, dell’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro e in materia di incontro tra domanda e offerta di lavoro.

 

 
 
 

CCNL Cooperazione agricola - ripresa trattative

AGCI, Confcooperative e Legacoop ci hanno proposto un incontro, a livello nazionale, per il giorno 9 luglio p.v. per riprendere la trattativa per il rinnovo del CCNL in oggetto.

Alla luce di questa nuova convocazione lo stato di agitazione, con il blocco dello straordinario e delle flessibilità, è sospeso in attesa dei risultati che si otterranno con la ripresa del confronto.

 

 

Cooperazione Agricola: forte adesione allo sciopero per il rinnovo del Ccnl

Forte adesione allo sciopero generale di oggi da parte delle lavoratrici e dei lavoratori delle imprese che applicano il CCNL per i dipendenti delle cooperative e consorzi agricoli. Uno sciopero proclamato lo scorso 14 giugno, e preceduto dal blocco degli straordinari e delle flessibilità, a seguito dell’interruzione delle trattative per il rinnovo del Contratto nazionale, scaduto il 31 dicembre 2023.

Alcuni dati raccolti, non ancora esaustivi della partecipazione su tutto il territorio nazionale, confermano che la percentuale di adesione è molto elevata: al 100% in AmadoriCafar Martini, Copra e Magema, al 98% in Caviro (produzione), al 95% in Orogel e Apofruit, al 90% in Agrintesa e al 70% in Cevico (produzione), Cac e Ortoromi 70%.

La decisione di proclamare lo sciopero è stata presa dalle Segreterie Nazionali di Fai-Flai-Uila e dalla delegazione trattante che hanno giudicato insoddisfacenti le risposte delle controparti rispetto alle rivendicazioni sindacali, soprattutto sul versante salariale.

“Ci auguriamo che la voce dei lavoratori e delle lavoratrici sia giunta forte alle nostre controparti e che la ripresa del confronto avvenga con l’unico obiettivo di restituire valore e dignità alle persone quotidianamente impegnate nel fare grande il nostro Made in Italy” dichiarano i segretari generali di Fai, Flai e Uila Onofrio Rota, Giovanni Mininni ed Enrica Mammucari, confermando che lo stato di agitazione continuerà ancora nei prossimi giorni. “I lavoratori e le lavoratrici di un comparto strategico per le nostre produzioni meritano un rinnovo che salvaguardi concretamente il potere di acquisto delle retribuzioni fortemente eroso dalla spirale inflattiva degli ultimi anni”.

 
 

Dichiarazione del segretario generale della Uila-Uil, Stefano Mantegazza


“Dopo 7 mesi di negoziato e quattro giorni di intensa e sofferta trattativa abbiamo rinnovato, con soddisfazione, il CCNL industria alimentare, raggiungendo gli obiettivi posti in piattaforma”. Così il segretario generale della Uila-Uil Stefano Mantegazza sulla firma del rinnovo contrattuale sottoscritto questa mattina.

Tra questi obiettivi, spiega Mantegazza, il più importante è il recupero del potere d’acquisto, mangiato dall’inflazione in questi ultimi anni, con un aumento salariale, a regime, di 280 € mensili, pari a un incremento del montante complessivo di 10.236 euro a parametro 137. La prima tranche decorre dal 1 dicembre 2023 e, nei primi 14 mesi di vigenza, le aziende corrisponderanno oltre 60% dell’aumento complessivo.

“Un risultato straordinario per tutte le persone che rappresentiamo ottenuto grazie al forte impegno messo in campo dal sindacato e alla qualità delle relazioni sindacali che abbiamo saputo costruire” secondo Mantegazza che aggiunge “Abbiamo rafforzato il welfare contrattuale, aumentando le risorse per la previdenza e la sanità integrativa, per la tutela della maternità. Abbiamo, inoltre, posto un argine alla precarietà del lavoro dimezzando le possibilità per le imprese di far ricorso ai contratti in somministrazione, a termine e staff leasing. Infine, abbiamo avviato un percorso di progressiva riduzione dell’orario di lavoro a parità’ di salario ”.

“Un grande contratto” conclude Mantegazza “forse il più importante che abbiamo rinnovato grazie all’impegno di tutti i lavoratori che a partire dai luoghi di lavoro ci hanno sempre fatto sentire la loro vicinanza, il loro sostegno e il loro consenso”.

 

 

Esito incontro Ferrarini 04/04/2024

Roma, 4 aprile 2024

Oggetto: Esito incontro 4 aprile 2024

Nella giornata odierna si è svolto l’incontro tra il coordinamento nazionale Ferrarini Vismara e la Direzione, presenti anche il commissario Dott. Bartoli e rappresentanti di Confindustria.

 

Rispetto all’andamento del gruppo il Presidente Pini ha evidenziato, pur nel momento critico che il settore delle carni sta attraversando, una situazione positiva delle dinamiche produttive e commerciali che nel primo trimestre del 2024 ha generato un aumento del fatturato (+13%) e dei volumi (+ 8,5%) grazie anche all’acquisizione di nuovi clienti, all’inserimento di nuovi prodotti nonché all’effetto di alcune promozioni nei maggiori gruppi commerciali. Nello specifico:

 

  • Vismara: costituito nuovo CDA che sta lavorando al miglioramento produttivo e all’equilibrio dei conti, sul quale già si registrano riscontri positivi. Tutto ciò anche in funzione della cessione da parte di Ferrarini di 4 milioni di € e del posticipo a fine 2024 della prima tranche prevista dal concordato. Permangono gli investimenti per il miglioramento della sicurezza del sito e sono stati confermati i progetti di sviluppo previsti nel concordato.
  • Lesignano nei Bagni: raggiunta la saturazione delle produzioni e confermati investimenti di circa sei milioni con ricadute positive sul risparmio energetico. Rinnovato il Bollo America e avviata l’attività in F1, da tempo chiusa.
  • Reggio Emilia: nell’evidenziare gli ottimi risultati raggiunti, rispetto alle prospettive industriali è confermata la realizzazione di un nuovo stabilimento di almeno 35 mila mq, ubicato nel comune di Reggio Emilia, i cui lavori dovrebbero completarsi tra la fine del 2025 ed il primo semestre del 2026, che assorbirà tutte le attuali maestranze e potrà offrire ulteriori sbocchi occupazionali.

Il coordinamento nel continuare a monitorare l’andamento di gruppo, si aggiornerà nei prossimi mesi per una definizione di maggior dettaglio del piano industriale complessivo.

 

 

Fai-CISL Flai-CGIL Uila-UIL
Albanese – Donnarumma Gambillara – Franzese Tartaglione – Rovatti

 

Industria alimentare 4.0: la Uila presenta ricerca realizzata per Ente bilaterale EBS È stata presentata oggi a Roma, alla presenza dei componenti del consiglio nazionale della Uila-Uil, la ricerca “Formazione e competenze nell’industria alimentare 4.0” realizzata dalla Uila nell’ambito delle attività progettuali dell’Ente bilaterale del settore (EBS). I lavori sono stati introdotti dal Segretario nazionale Uila Michele Tartaglione che ha coordinato la realizzazione della ricerca insieme al professore Michele Faioli (docente diritto del lavoro, Università cattolica Sacro Cuore) e a Pierpaolo Letizia, esperto di formazione, che ne hanno presentato i contenuti, principalmente incentrati sulle implicazioni dell’avvento della digitalizzazione e intelligenza artificiale sulla formazione, sull’evoluzione delle competenze e delle professionalità nel settore alimentare. Numerosi gli ospiti presenti, tra i quali rappresentanti delle associazioni datoriali e delle principali aziende del settore, oltre al presidente dell’EBS dott. Alessandro Glisenti. Ha concluso i lavori la segretaria generale della Uila Enrica Mammucari che ha evidenziato l’importanza dei temi trattati e il valore della bilateralità come strumento utile non solo ad accrescere tutele, opportunità per le lavoratrici, i lavoratori e imprese ma anche per realizzare approfondimenti e analisi e prepararsi ad affrontare le tematiche trasversali sulle quali si giocheranno le sfide future per il settore alimentare. Da questo punto di vista la segretaria generale ha anche sottolineato i nuovi compiti che la bilateralità sarà sempre più chiamata a svolgere sui temi delle politiche attive, dell’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro e in materia di incontro tra domanda e offerta di lavoro.